Editore: C.I.F.I.
Pagine: 268
Biblioteca: Ferrovie Arrugginite
Luogo: Biblioteca /Museo Ferrovie Arrugginite
Anno: 1986

Stato prestito: Disponibile

Disponibilità: 2/2

Recensione

 

INDICE DEL TESTO

1. CARATTERISTICHE GENERALI

1.1. Generalità

1.2. Dati principali

1.3. Curve caratteristiche

2. PARTE MECCANICA

2.1. Cassa

2.2. Carrelli

2.2.1. Generalità e sospensioni

2.2.2. Boccole esterne

2.2.3. Sale montate

2.2.4. Trasmissione del moto

2.2.5. Lubrificazione

2.2.5.1. Lubrificazione normale cuscinetti assi cavi

2.2.5.2. Lubrificazione d'urgenza A.C. e recupero olio sottoboccole

2.2.5.3. Pompa di lubrificazione Friedmann tipo (LK)

2.2.5.4. Lubrificazione dei cuscinetti esterni degli assi

2.2.5.5. Lubrificazione dei parasala

2.2.5.6. Lubrificazione dei bordini con stoppaccio

2.2.5.7. Lubrificazione dei bordini tipo "De Limon-RE"

2.2.6. Parte meccanica del freno

3. CONDUTTURE ED APPARECCHIATURE PNEUMATICHE E DEL FRENO

3.1. Apparecchiature pneumatiche - Circuito di origine

3.1.1. Dai compressori al serbatoio principale dei comandi pneumatici

3.1.2. Anticongelatore ad alcool (di origine)

3.1.3. Dal Serbatoio Principale dei comandi pneumatici alle apparecchiature

3.2. Apparecchiature del freno - Circuito di origine

3.2.1. Freno diretto

3.2.2. Freno automatico

3.2.3. Valvola distributrice

3.3. Apparecchiature pneumatiche - Circuito di ricambio

3.3.1. Compressore "W-242" (VB2)

3.3.1.1. Generalità

3.3.1.2. Scambiatore di raffreddamento

3.3.1.3. Valvola di sicurezza

3.3.1.4. Collettori

3.3.1.5. Filtro di aspirazione

3.3.1.6. Filtro dell'olio

3.3.1.7. Lubrificazione

3.3.2. Dai compressori al serbatoio principale dei comandi pneumatici

3.3.3. Dal serbatoio principale dei comandi pneumatici alle apparecchiature

3.3.4. Elettrovalvola tipo "R" - SAB

3.3.5. Anticongelatore (di ricambio)

3.4. Apparecchiature del freno - Circuito di ricambio

3.4.1. Doppie valvole d'arresto tipo "VA-D2"

4. CIRCUITO DI TRAZIONE - LOCOMOTIVE CON MOTORI AD ECCITAZIONE SERIE

4.1. Apparecchiature

4.1.1. Pantografi - Dispositivo di esclusione degli stessi - Lubrificazione

4.1.1.1. Lubrificazione striscianti tipo "OMEA"

4.1.1.2. Lubrificazione striscianti tipo "De Limon-RE"

4.1.2. Reostato di avviamento

4.1.3. Contattori - Esclusione dei contattori di linea

4.1.4. Motori di trazione - Dispositivo di esclusione degli stessi

4.1.4.1. Dati caratteristici (motore tipo 92-250)

4.1.4.2. Dispositivo di esclusione

4.1.5. Combinatore indebolimento campo (C.I.C.)

4.1.6. Invertitore di marcia

4.1.7. Organi di protezione

4.1.7.1. Interruttore rapido - Dispositivo di esclusione dello stesso

4.1.7.2. Relè di massima

4.1.7.3. Relè controllo avviatore (di accelerazione)

4.1.7.4. Scaricatore di sovratensioni

4.1.8. Dispositivi di blocco di sicurezza

4.1.9. Dispositivo per la prova di isolamento dei circuiti A.T. - Modalità di esecuzione

4.2. Funzionamento del C.T.

4.2.1. Locomotive con due gradi I.C. (001÷003; 006÷038; 057÷078)

4.2.1.1. Disposizione dei vari organi nel circuito di trazione

4.2.1.2. Inserzione in trazione. Maniglia d'inserzione in posizione "M"

4.2.1.3. Maniglia d'inserzione in posizione "S" - Esclusione del reostato nella combinazione di Serie - Indebolimento di campo

4.2.1.4. Maniglia d'inserzione in posizione "P" - Transizione (Serie-Parallelo) ed esclusione del reostato nella combinazione di Parallelo - Indebolimento di campo

4.2.2. Locomotive con 5 gradi I.C. (039÷056 - 079÷158) - Differenze rispetto a quelle  con due gradi I.C.

5. CIRCUITI DI COMANDO E BLOCCO - LOCOMOTIVE CON MOTORI AD ECCITAZIONE SERIE

5.1. Apparecchiature

5.1.1. Banco di manovra

5.1.2. Avviatore automatico Westinghouse

5.1.3. Avviatore automatico ad impulsi (FS)

5.1.3.1. Servomotore

5.1.3.2. Cassa di contegno dei contatti - Contatto mobile (tamburo)

5.1.3.3. Funzionamento elettropneumatico di principio

5.1.4. Elettrovalvole, relè a B.T., contatti ed interruttori

5.1.5. Batterie accumulatori

5.2. Funzionamento del C.C.

5.2.1. Locomotive con due gradi I.C. (001÷003; 006÷038; 057÷078 con avviatore  Westinghouse)

5.2.1.1. Chiusura I.R. - Inserzione del C.T. - Maniglia d'inserzione in posizione "M"

5.2.1.2. Maniglia d'inserzione in posizione "S" - Esclusione del reostato

5.2.1.3- Controllo dell'avviatore

5.2.1.4. Avviamento accelerato

5.2.1.5. Avanzamento comandato - Azionamento indebolimento di campo

5.2.1.6. Maniglia d'inserzione in posizione "P" - Transizione dalla Serie al Parallelo - Esclusione del reostato nella combinazione di Parallelo.

5.2.1.7. Retrocessione dell'avviatore - Transizione inversa P-S - Disinserzione

5.2.1.8. Prova a vuoto

5.2.1.9. Manovra a mano dell'avviatore

5.2.2. Locomotive con cinque gradi I.C. con avviatore Westinghouse (039÷056) - Differenze rispetto al sottogruppo precedente

5.2.2.1. Comando del C.I.C.

5.2.2.2. Fasi dettagliate del funzionamento del C.I.C.

5.2.3. Locomotive con cinque gradi I.C. ed avviatore ad impulsi (079÷158) - Differenze  rispetto al sottogruppo del punto 5.2.1.

5.2.3.1. Avviamento accelerato

5.2.3.2. Retrocessione dell'avviatore

5.2.3.3. Manovra a mano dell'avviatore

5.3. Protezione del circuito di trazione

5.3.1. Apertura dell'I.R.

5.3.2. Successione di scatto

5.4. Esclusione delle principali apparecchiature - Modalità ed avvertenze

5.4.1. Esclusione dell'I.R.

5.4.2. Esclusione dei contattori di linea

5.4.3. Esclusione dei motori di trazione

5.4.3.1. Modalità

5.4.3.2. Indicazione degli organi A.T. che risultano esclusi a seguito della esclusione dei motori di trazione

5.4.3.3. Modalità ed avvertenze per l'esercizio della locomotiva con una coppia di motori esclusa

5.4.4. Esclusione dell'avviatore

5.5. Scopo dei contatti di blocco

5.5.1. Blocchi sull'I.R.

5.5.2. Blocchi sui contattori

5.6. Scopo dei relè

5.6.1. Relè d'inserzione I.R.

5.6.2. RaI - Relè ausiliario per la terra alle elettrovalvole dei contattori del circuito di trazione

5.6.3. RaII - Relè per il parallelo e la prova a vuoto

5.6.4. RaIII - RalV (Relè per locomotive con due gradi I.C.)

5.6.5. RaIII (Relè per locomotive con cinque gradi I.C.)

5.6.6. Ras (relè antislittamento)

6. CIRCUITO DEI SERVIZI AUSILIARI

6.1. Motoventilatori-Dinamo

6.1.1. Ventilazione motori-reostato

6.1.1.1. Ventilazione del reostato con i motori di trazione disinseriti

6.1.1.2. Altre avvertenze pratiche

6.1.2. Dinamo - Circuito di carica-batterie

6.2. Motocompressori

6.3. Riscaldamento cabine di guida ("scaldiglie")

6.4. Shunt di campo motori S.A.

6.5. Altri comandi ausiliari

6.5.1. Azionamento sabbiere

6.5.2. Azionamento scarico cilindri a freno

6.5.3. Azionamento lubrificazione (pompe Friedmann) e recupero olio sottoboccole lubrificazione A.C.

6.6. Dispositivo per alimentazione "bitensione" (3000/1500 V)

7. RISCALDAMENTO ELETTRICO CARROZZE (R.E.C.)

7.1. Circuito A.T.

7.2. Circuito B.T.

8. DISPOSITIVO ANTISLITTANTE

8.1. Funzionamento di principio

8.2. Anormalità

8.3. Esclusione e controllo

9. APPARECCHIATURE SPECIALI

9.1. Ripetizioni segnali

9.2. Telefono Terra Treno (T.T.T.) - Segnale di prudenza generalizzata e fonia di servizio

10. AVARIE - LOCOMOTIVE CON MOTORI AD ECCITAZIONE SERIE 

10.1. Mancata chiusura dell'I.R. da ambedue le cabine di guida

10.2. Mancata inserzione in trazione in ambedue i sensi di marcia, con la maniglia in "M" - Lampada spia VERDE accesa, amperometri motori a zero

10.3. Mancata inserzione in trazione (amperometri motori a zero) in ambedue i sensi di marcia, con la maniglia in "M" - Lampada spia VERDE spenta

10.4. Anormale funzionamento dell'avviatore

10.4.1. Mancato avanzamento dell'avviatore, pur essendo inserito il C.T. con regolatore indicazione dell'amperometro motori (maniglia in "S")

10.4.2. Mancata retrocessione dell'avviatore, portando la maniglia d'inserzione in posizione "M" partendo da "P" od "S"

10.4.3. Avanzamento incontrollato dell'avviatore nella combinazione di Serie

10.5. Irregolare esclusione del reostato nella combinazione di Serie

10.6. Apertura dell'I.R. durante il funzionamento della locomotiva per scatto di un relè di protezione

10.7. Anormalità al reostato - Esclusione di un ponte

10.8. Anormalità al C.I.C. ed interventi possibili da parte del P.D.M.

10.9. Avarie alle apparecchiature e circuiti dei servizi ausiliari

10.9.1. Anormalità delle batterie

10.9.2. Mancata carica delle batterie

10.9.3. Mancato funzionamento di ambedue i M.V.D.

10.9.4. Mancato funzionamento di un M.V.D.

10.9.5. Mancato funzionamento di ambedue i M.C.

10.9.6. Mancato funzionamento di un M.C.

10.9.7. Inefficienza del riscaldamento delle cabine di manovra

10.9.8. Modalità ed avvertenze inerenti al mancato funzionamento di un M.V.D. agli effetti della mancata ventilazione

11. MODIFICHE APPORTATE ALLE LOCOMOTIVE E. 424 UTILIZZATE PER TRENI NAVETTA NON TELECOMANDATI

11.1. Generalità

11.2. Descrizione delle principali modifiche apportate

11.2.1. Chiavi di blocco

11.2.2. Comando e blocco porte

11.2.3. Comando I.R.

11.2.4. Apparecchiatura citofonica

11.3. Operazioni e prove da effettuare per predisporre la locomotiva al treno "navetta" con guida dalla semipilota

11.4. Locomotiva utilizzata a treni non navetta

11.5. Circuito di comando

11.5.1. Introduzione del relè RaIR

11.5.2. Applicazione del commutatore a due posizioni

11.6. Circuiti ed apparecchiature pneumatiche

11.7. Circuito di comando e controllo porte

11.8. Applicazione dell'impianto citofonico

11.9. Operazioni da effettuare per predisporre la locomotiva al treno "navetta"

11.10. Prove da eseguire prima della partenza, con guida dalla semipilata

11.11. Prove da eseguire prima della partenza con guida dalla loc.va

12. LOCOMOTIVE E. 424 CON MOTORI AD ECCITAZIONE COMPOSTA

12.1. Generalità - Utilità ed applicazione del motore ad eccitazione composta nella trazione ferroviaria

12.2. Circuito di trazione

12.3. Dispositivi di blocco di sicurezza

12.3.1 Operazioni da eseguire per entrare nella cabina A.T. e per accedere alle varie apparecchiature A.T.

12.3.2. Operazioni da eseguire per svincolare la chiave a bracciale

12.4. Servizi ausiliari e circuito di eccitazione indipendente

12.5. Regolazione pneumatica

1.2.6. Combinatore dei motori

12.7. Relè di inversione

12.8. Circuito di comando e di blocco

12.9. Esclusione dei motori

12.10. Protezione dei circuiti A.T.

12.11. Norme pratiche per la guida

13. APPARECCHIO DI PROTEZIONE DEL CIRCUITO DI TRAZIONE E DEI SERVIZI AUSILIARI, ("SEPARATORE")

13.1. Generalità

13.2. Principio di funzionamento

13.3. Apparecchiature

13.4. Funzionamento dell'interruttore

13.5. Vincoli di sicurezza

13.5.1. È impedito l'alzamento del pantografo a separatore aperto

13.5.2. È impedito il riarmo del separatore se non si toglie la Musso fusa

13.5.3. È impedito l'alzamento del pantografo senza la valvola Musso

13.5.4. È impedita la messa in opera di una valvola Musso fusa

13.5.5. È impedito l'intervento del separatore quando, per mancanza della valvola Musso in buone condizioni, si è costretti ad applicare la falsa valvola

13.5.6. È impedito il riarmo del separatore a mezzo dell'apparecchio di controllo (Grillo) se l'apertura era avvenuta automaticamente

13.5.7. È impedito anche il riarmo, a mezzo dell'apparecchio di controllo, senza la valvola Musso

13.5.8. È impedita l'esecuzione della prova a vuoto, a mezzo dell'apparecchio di controllo, se il pantografo è alzato

13.6. Funzionamento generale dell'apparecchiatura

13.7. Prova del separatore a mezzo dell'apparecchio di controllo

Data inserimento: